Studio legale Pastrengo

IL LIBRO

 

Microsoft Word - BDC.doc

Marcello Pastrengo

I CONTI CON LE BANCHE

Copertina libro

I CONTI CON LE BANCHE

La il video della presentazione al

Salone Internazionale del libro di Torino

8-12 maggio 2014

* * *

E’ disponibile:

– in edizione a “STAMPA” (prezzo di copertina 50,00 €) (*)

(*) 30  + spese di spedizioneper le prenotazioni effettuate tramite questo sito

* * *

– in versione “E.BOOK” (prezzo 25 €)  sul sito :

http://liberfaber.com/it/culture-e-civilta/prodotto-i-conti-con-le-banche.html

RECENSIONI

In un periodo di grave crisi economica e di scandali finanziari, si sente fortemente la necessità di capire cosa stia accadendo e di trovare un metodo, il più sicuro possibile, per proteggere i capitali che i piccoli risparmiatori hanno investito.

E’ in momenti come questo che si ha la tentazione di fare proprio l’amaro paradosso di John Adams (secondo presidente degli U.S.A. 1735 -1826): “Banks have done more injury to the religion, morality, tranquility, prosperity, and even wealth of the nation than they can have done or ever will do good...” (“…Le banche hanno fatto più danni alla religione, alla moralità, alla tranquillità ed alla prosperità della nazione di quanti benefici possano aver fatto o potranno mai fare…..”)

L’autore, Marcello Pastrengo, avvocato del Foro di Savona, specializzato tra l’altro nelle tematiche del Diritto Bancario e Finanziario e Normativa Anti-Usura, ben sottolineava la situazione in un suo brillante articolo pubblicato nel 2013 ( la “La primavera dei cittadini e degli imprenditori contro le banche meno virtuose”: “…Uno degli effetti più evidenti di questa disastrosa crisi economica è dato dalla pressante richiesta di aiuto contro i soprusi delle banche che, quotidianamente, i clienti rivolgono ai loro avvocati. In questa situazione di generale impoverimento della società, i vari governi avrebbero dovuto porre in essere un’efficace azione di tutela degli interessi dei cittadini con l’emanazione di norme di contrasto all’usura…

Orbene l’emergenza sopra delineata è tutt’altro che finita, ed anche la condotta quotidiana degli operatori del credito non sempre risulta informata a quei criteri generali di trasparenza e legalità, buona fede e correttezza che devono (o dovrebbero) improntare la condotta degli intermediari finanziari nelle loro relazioni con la clientela.

Lo evidenzia bene l’Autore in questo suo saggio, presentato lo scorso 8 maggio nell’ambito del Salone Internazionale del libro di Torino tra l’interesse degli astanti.

La (tragica) situazione attuale è illustrata da Pastrengo con un linguaggio chiaro, seppur molto tecnico.

Dopo un breve excursus sulla normativa italiana ed europea, spiega come e per colpa di chi oltre 450.000 risparmiatori hanno perso quasi 14 miliardi di euro in seguito al default del governo argentino e quali sono i  meccanismi dell’anatocismo, dell’usura e dei famigerati contratti “derivati”, da taluni anche definiti “contratti  alieni”.

Conclude con la presentazione dei nuovi ed efficaci strumenti per la risoluzione delle controversie che possono nascere tra risparmiatori e correntisti con gli intermediari bancari e finanziari, quali l’Ombdusman-Giurì Bancario, l’Arbitro Bancario e Finanziario (ABF), il Conciliatore Bancario Finanziario, la Camera di Conciliazione ed Arbitrato presso la Consob, con un cenno anche alle possibilità offerta dalla nuova Mediazione civile e commerciale – ADR che, dal 20 settembre 2013, è tornata ad essere di nuovo obbligatoria anche per le liti in materia di contratti assicurativi, bancari e finanziari.

Il manuale contiene anche una ricca ed utilissima appendice con schede, format, facsimili di lettere, ricorsi, atti di citazioni, reclami, etc.

Il testo, intrigante e leggibilissimo pur nel suo professionale tecnicismo, si rivelerà utilissimo per tutti – consumatori e professionisti – per conoscere il labirinto della finanza, le sue intrinseche contraddizioni e le opzioni pratiche di difesa da parte dell’utente

(by: Luca Riciputi/Fabi e Carlo Sonnino/LiberFaber)

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: